Progetto Elena D’Amanzo – 1° mobile camp

18 Gen 2020

“Oggi abbiamo finalmente potuto vedere la realizzazione di un mobile camp. Siamo partiti la mattina per Uzi, dove, al nostro arrivo, abbiamo trovato già tutti i dottori operativi e tantissime persone già lí dal mattino in fila. Hanno avuto la possibilità di farsi visitare occhi, orecchie, denti e prevenzione del cancro al seno.

Il tutto era dislocato nelle varie aule della scuola, e in concomitanza i bambini dell’asilo sono stati visitati per verificare la necessità di un intervento alle orecchie.

Ci ha piacevolmente stupito l’enorme partecipazione del villaggio. Quando siamo andati via risultavano 600 registrazioni per l’accesso alle visite mediche. Con oggi abbiamo constatato la professionalità con cui ZOP ha mantenuto l’impegno preso con noi. Nell’intervallo, verso le 12:00, siamo stati invitati all’inaugurazione di una costruzione adibita a infermeria d’emergenza e di opere idrauliche realizzate per portare acqua nel villaggio, realizzate da una ONG tedesca, in collaborazione con ZOP.

Sì conclude quindi il viaggio, fondamentale per accertare che i soldi siano ben spesi e che i villaggi abbiano accolto in modo positivo questo progetto.

Ora l’obiettivo principale di gocce d’amore, di portare il villaggio nell’asilo, inizia filamente a prender forma!

Ringraziamo ZOP, i medici, GOZA ONG e soprattutto gli abitanti del villaggio.

Un grazie speciale a Juma che è sempre fondamentale nella realizzazione di tutto ciò ”

Franco e Federico.

  • Condividi

Progetto Elena D’Amanzo – Visite specialistiche

16 Gen 2020

Cari amici, donatori e volontari, da tre giorni Franco e Federico si trovano sul suolo zanzibarino. Come sempre il viaggio e lungo e faticoso, ma questa volta siamo più felici ed emozionati del solito. Le parole non possono spiegare il nostro orgoglio, il cuore batte troppo veloce per essere contenuto in poche righe, ma proveremo a rendervi partecipi di ciò che sta succedendo in Africa poichè è anche grazie a voi, alla vostra generosità e al vostro supporto che tutto quello che vedete è possibile. 💙🌍

A voi, le parole di Federico :

” Era prevista pioggia per oggi, e infatti è venuto giù il diluvio universale, ma nonostante questo, quando alle 7 :00 siamo andati all’asilo di kibigija, c’erano già diverse mamme e papà con i loro figli. Per le 8 :00, con soli 10 minuti di ritardo (e in Africa è raro) siamo partiti insieme ai bambini e genitori di kikadini e mendwima. Erano un totale di 41 bambini e la puntualità è stata un bellissimo segno di apprezzamento da parte delle famiglie.
Una volta arrivati all’ospedale ogni bambino è stato visitato per verificare l’effetto delle medicine prescritte nei mesi precedenti e quattro di loro non avevano più bisogno dell’intervento. Gli altri invece, sono stati portati in sala operatoria uno a uno, anestetizzati, e sono state loro disostruite le orecchie. Una volta finito, visto che erano a digiuno per l’intervento, è stato fornito un pasto al quale abbiamo aggiunto i famosi biscuti che portiamo sempre negli asili.
Da parte dei medici è stato tutto molto trasparente, infatti abbiamo potuto assistere ad ogni fase, anche in sala operatoria. Al termine ci siamo confrontati con il dott. Noufal, responsabile di ZOP e abbiamo parlato di futuri impegni che interessano ZOP e Gocce d’amore.
Questa giornata è sicuramente da segnare sul calendario di Gocce d’amore perché abbiamo potuto vedere di persona la realizzazione del progetto Elena d’Amanzo, per il quale è stato fondamentale l’aiuto e il sostegno di tutti i volontari e i donatori, i quali hanno contribuito, con tanti pezzettini, a formare un bellissimo puzzle.”

  • Condividi

Aggiornamenti progetto Elena D’Amanzo – Visite mediche e mobile camp

08 Gen 2020

Nell’ambito del “progetto Elena D’Amanzo” nei giorni 15 – 16 – 17 Gennaio 2020, il gruppo di “Zanzibar outreach program”, associazione medica che collabora con Gocce d’amore, porterà 160 bambini di vari asili, presso una struttura medica ospedaliera per sottoporli a visite specialistiche otorinolaringoiatria ritenute necessarie ed indispensabili dopo i due incontri di visite effettuate negli asili ad oltre 1200 bambini nel decorso anno.
Il giorno 18 Gennaio il gruppo di “Zanzibar outreach program” verrà ospitato nello spazio esterno dell’asilo di Uzi e metterà a disposizione dell’intero villaggio un “mobile camp” costituito da circa 41 operatori effettuando visite mediche gratuite a tutti coloro che ne faranno richiesta.
Per seguire questi importanti eventi è sembrato giusto far partecipare anche alcuni nostri volontari che saranno nei villaggi di Zanzibar dal 14 al 19 Gennaio dandoci la possibilità di essere coinvolti, seppur lontani, con i loro racconti e le loro immagini.
Ricordiamo che il “progetto Elena – mobile camp” interessa otto diversi villaggi visitati nell’arco del 2020. Gli abitanti dei villaggi interessati, potranno così prendere atto che esiste un minimo di prevenzione sanitaria e che questa potrà apportare solo una maggiore sicurezza e serenità personale e familiare.
Grazie per l’aiuto dei tanti amici che ci seguono.

  • Condividi